Lavoro Estero / Dove lavorare in Europa / Germania / Stipendi medi in Germania

Stipendi medi in Germania

stipendi medi germania
Articolo interessante? Condividilo ora su Facebook!

Lavorare in Germania sembra essere oggi la scelta migliore per i tanti italiani (e non solo) che scelgono di cercare fortuna all’estero.
La media degli stipendi è molto più alta di quella a cui siamo abituati nel nostro Paese e che potremmo trovare in altre nazioni europee.

A fare realmente la differenza, però, è il rapporto tra guadagni e costo della vita: tasse sostenibili (paragonate alle entrate dei lavoratori), costo dei prodotti abbordabili e tutela per i cittadini sia sul posto di lavoro che fuori, rendono la Germania lo stato più “vivibile” d’Europa.

Stipendi medi, parametri e calcolo

Per rendere meglio l’idea dell’andamento del mercato del lavoro tedesco, vi segnaliamo la retribuzione media mensile delle categorie di lavoratori più diffuse, al netto delle tasse. Questi dati non sono assoluti ma possono cambiare sensibilmente in base alla regione in cui ci si trova (così come accade in Italia, anche in Germania vi sono regioni più “povere” di altre, in cui i salari sono più bassi). In questo caso abbiamo ipotizzato il caso di un lavoratore con meno di dieci anni di carriera alle spalle, sposato e con due figli da mantenere.

CATEGORIA
STIPENDIO NETTO ANNUO
Insegnante di scuola elementare
28.000
Insegnante scuola media/superiore
28.000
Impiegato amministrativo
27.000
Docente universitario (associato)
43.000
Medico ospedaliero
46.000
Infermiere/a
32.000
Avvocato (dipendente)
40.000
Ingegnere
42.000
Farmacista (dipendente)
45.000
Operaio specializzato
30.000
Agricoltore
23.000
Giornalista
35.000
Operatore sociale
20.000
Hostess
38.000
Cameriere
20.000
Chef
30.000
Segretario/a
23.000
Web Designer
31.000

E’ importante sapere che, mediamente, le imposte da pagare per un utente in questa situazione, ammontano al 33% (da sommare alle cifre che riportiamo) mentre per un lavoratore celibe o nubile, la percentuale sale al 43%.

A differenza di quanto accade in Italia, non tutti i contratti di lavoro prevede una tredicesima, e il TFR non è un riconoscimento diffuso nelle aziende.

Sommando tutti questi parametri con la spesa quotidiana di ogni utente, si possono comunque individuare facilmente le ragioni per cui in Germania, attualmente, si vive meglio che in qualunque altro Paese europeo.