Le vacanze studio a Barcellona

Studiare
Articolo interessante? Condividilo ora su Facebook!

Barcellona è una della città più frequentate e apprezzate del mondo, soprattutto per la varietà dell’offerta che mette a disposizione di chi la visita, per un motivo o per un altro. Nel vastissimo panorama delle possibilità di cui dispone di chi raggiunge il capoluogo catalano per studiare lo spagnolo, le vacanze studio meritano sicuramente una posizione particolare. Rappresentano sicuramente una delle soluzioni più gettonati, e fanno presa soprattutto sui più giovani e su coloro che sono alla prima esperienza all’estero.

La vacanza studio è un’iniziativa diventata comune in tutte le nazioni del mondo soprattutto a partire dagli anni ’80: è senza dubbio il tipo di soggiorno più adatto agli studenti giovani provenienti da ogni parte del mondo, in quanto riesce a combinare il divertimento accessibile in una città dinamica e poliedrica, la possibilità di visitare monumenti e opere d’arte unici in Europa, e quella di studiare lo spagnolo nella seconda città più importante della Spagna.

Gli istituti che offrono opportunità di questo tipo sono molto numerose a Barcellona, e agiscono spesso in concerto con le scuole italiane, organizzando dei veri e propri scambi culturali. Uno dei più famosi riferimenti per le vacanze studio in Spagna (ma non solo) è SprachCaffe International, un portale specializzato in viaggi di apprendimento all’estero. Molte delle scuole che organizzano queste iniziative mettono in programma visite guidate frequenti e mirate, volte all’approfondimento della cultura della nazione.

Contatti utili per vacanze studio a Barcellona

Chi è in cerca di un riferimento specifico per una vacanza studio a Barcellona può rivolgersi a Estudio Hispanico (www.estudiohispanico.com), che presenta numerose offerte relative a vacanze studio per lo studio della lingua spagnola, ma anche a corsi di spagnolo in Spagna e in America Latina. Oltre alle visite guidate, molti di questi soggiorni prevedono escursioni durante il week-end e l’organizzazione di interscambi culturali.